INFORMACALCIO

ARTICOLI REGIONALI

43° COPPA ITALIA DILETTANTI – FASE NAZIONALE

10/3/2009
Prende il via domani la fase nazionale della Coppa Italia Dilettanti, avviatasi in ciascuna regione dallo scorso settembre. Le 19 squadre campioni regionali si contendono il trofeo più importante dei Dilettanti e una promozione in Serie D.

Roma, 10 marzo 2009 – Completate le fasi regionali, disputatesi dall’inizio stagione in ciascuno dei comitati regionali della LND, la Coppa Italia Dilettanti entra nel vivo con la fase nazionale, quella in cui le 19 aspiranti alla vittoria finale si confronteranno in sfide senza appello per giocarsi il trofeo di Lega e, con esso, la promozione in Serie D. La Coppa Italia Dilettanti, istituita dalla LND nella stagione 1966/67, è l’unica competizione della LND che mette di fronte le migliori squadre di Eccellenza attraverso un percorso che permette di incoronare la prima squadra del calcio dilettantistico italiano, nella sua componente regionale.

Ma, oltre alla gloria per un trofeo storico e unico al tempo stesso, la fase nazionale della Coppa Italia Dilettanti (che fino al 1999/00 prevedeva anche una finale incrociata tra le vincenti della Coppa di Serie D e quelle provenienti appunto dalle regioni) garantisce anche un posto in Serie D molto ambito da quei club che non riusciranno, da qui alla fine della stagione, ad assicurarsi la promozione attraverso il campionato.

LE PROTAGONISTE – Scopriamo allora le 19 protagoniste di quest’anno, 19 club in cerca di gloria, tutti in grado, almeno sulla carta, di potersi giocare le proprie chanches. Difficile, come ogni anno, fare pronostici, considerato che ciascuna squadra proviene da un cammino e da una realtà calcistica differente e che nessuna di queste squadre, finora, si è affrontata in questa stagione con le sue rivali di Coppa. Mai come quest’anno, però, il lotto delle contendenti è davvero agguerrito: basti pensare che in lizza ci sono due club con decenni nei professionisti (Virtus Casarano e l’Aquila), altri con lunga militanza in Serie D nel corso dei decenni passati (Loanesi San Francesco, Termoli, Pomezia), due club che sono alla loro secondo esperienza in questa fase nazionale (Muggia già qualificata nel 2006, L’Aquila nel 2007), uno addirittura alla sua terza fase nazionale (Loanesi San Franceso nel 2004 e nel 2008), uno, la Virtus Casarano, che oltre ad aver vinto una Coppa Italia di Serie C, ha appena conquistato la matematica promozione in Serie D a quattro giornate dalla fine. Un lotto di protagoniste che, proprio come ha appena fatto il Casarano, potrebbe aver già ottenuto, da qui alla fine del primo turno di Coppa, la promozione diretta in Serie D attraverso il campionato: Pomezia, L’Aquila, Acqui e Castelrigone sono infatti leader nei propri gironi, e questo potrebbe favorire, a lungo andare, le speranze delle altre contendenti, cui basterebbe ad esempio arrivare in finale contro uno di questi club per avere la certezza della finale, come capitò lo scorso anno alla Pro Settimo & Eureka contro l’Hinterreggio.

Sono molti i volti noti del calcio italiano del presente e del passato, che hanno fatto parte dell’organico di alcune delle 19 squadre che si apprestano a disputare la fase nazionale della Coppa Italia di Serie D. Il Cantù San Paolo ha plasmato il talento del piccolo grande regista Gianfranco Matteoli, centrocampista dell’Inter scudettata negli anni Ottanta e poi del Cagliari mentre i termali dell’Acqui possono vantare di aver avuto tra le loro fila il portiere Enzo Biato, estremo difensore del Bari e del Torino. Al Termoli hanno mosso i primi passi da calciatore Christian Terlizzi, difensore del Catania ex-Sampdoria e Palermo, e Salvio Fulvio D’Adderio che ora siede sulla panchina della Sambedenettese; sempre tra i molisani figurava in organico fino a dicembre anche Salvatore Alfieri, ex di Pescara, Ascoli, Ancona e Catanzaro. Molti i nomi importanti da associare alla Virtus Casarano: tra gli allenatori Angelo Carrano, Roberto Antonelli e Adriano Cadregari, tra i tanti giocatori lanciati, la menzione speciale va a Fabrizio Miccoli, attaccante che vestiva la maglia rossoblu prima di quelle più prestigiose di Juventus, Benfica e Palermo, infine tra i dirigenti, al Casarano ha iniziato la sua carriera Pantaleo Corvino, attuale direttore sportivo della Fiorentina.

LA FORMULA - Nel primo turno, le diciannove squadre vincitrici le fasi regionali della Coppa sono state divise in 3 gironi da 3 squadre e 5 abbinamenti da due. Va specificato che nei triangolari riposerà nella seconda giornata la squadra che avrà vinto la prima gara o, in caso di pareggio, quella che avrà disputato Ia prima gara in trasferta. Nelle gare ad abbinamento, invece, risulterà vincente la squadra che nei due incontri avrà ottenuto il maggior numero di reti nel corso delle due gare. Qualora risultasse parità nelle reti segnate, sarà dichiarata vincente la squadra che avrà segnato il maggior numero di reti in trasferta; in caso di persistente parità, saranno battuti direttamente i rigori. Le 8 vincenti si affronteranno poi ad eliminazione diretta con gare di andata e ritorno dai quarti di finale in poi, con la finale prevista invece in gara unica. Qualora la squadra vincente la Coppa Italia avesse già acquisito il diritto alla partecipazione al Campionato di Serie D 2009/2010, tale titolo sarà riservato all'altra squadra finalista di Coppa Italia. Nell'ipotesi in cui entrambe le finaliste, per meriti sportivi, avessero già acquisito tale diritto, l'ammissione al Campionato di Serie D 2009/2010 è riservata alla vincente di apposito spareggio fra le società eliminate in semifinale.

La fase nazionale della Coppa Italia Dilettanti prenderà il via mercoledì 11 marzo e, da quella data, si giocherà ogni mercoledì (tranne l’1 e l’8 aprile) fino alla finale, che si disputerà a Roma il 13 maggio.

PARTECIPAZIONE CALCIATORI - Alle gare di Coppa Italia Dilettanti le Società hanno l’obbligo di impiegare sin dall’inizio e per l’intera durata delle stesse e, quindi, anche nel caso di sostituzioni successive di uno o più partecipanti, almeno due calciatori così distinti in relazione alle seguenti fasce d’età: 1 nato dall’1.1.1989 in poi ed 1 nato dall’1.1.1990 in poi (eccettuati i casi di espulsione dal campo e, qualora siano state già effettuate tutte le sostituzioni consentite, anche i casi di infortunio dei calciatori delle fasce di età interessate). L’inosservanza delle predette disposizioni, sarà punita con la sanzione della perdita della gara. Nel corso delle gare di Coppa Italia Dilettanti è consentita la sostituzione di tre calciatori secondo quanto previsto dalI’art. 74, delle Norme Organizzative Interne della F.I.G C..

SOCIETÀ QUALIFICATE - Queste le società che hanno guadagnato il diritto a partecipare alla fase nazionale:

Abruzzo: L’Aquila Calcio 1927 (Aq)
Basilicata: Murese 2000 Aurora (Pz)
Calabria: Omega Bagaladi S. Lorenzo (Rc)
Campania: Forza E Coraggio (Bn)
Emilia R.: Cesenatico Chimicart (Fc)
Friuli V.G.: Muggia (Ts)
Lazio: Pomezia Calcio (Rm)
Liguria: Loanesi S. Francesco (Sv)
Lombardia: Cantu’ San Paolo (Co)
Marche: Jesina Calcio (Pu)
Molise: Termoli (Cb)
Piemonte V.A: Acqui 1911 (Al)
Puglia: Virtus Casarano (Le)
Sardegna: Portotorres (Ss)
Sicilia: Citta’ Di Bagheria (Pa)
Toscana: Castelnuovese (Ar)
Trentino A.A.: Maia Alta Obermais (Bz)
Umbria: Castel Rigone (Pg)
Veneto: Lia Piave (Tv)

Composizione dei gironi

Girone A: Acqui 1911 - Cantu’ San Paolo - Loanesi S. Francesco (Triangolare)
Girone B: Lia Piave – Maia Alta Obermais – Muggia (Triangolare)
Girone C: Cesenatico Chimicart – Jesina Calcio (Andata E Ritorno)
Girone D: Castelnuovese – Castel Rigone (Andata E Ritorno)
Girone E: Pomezia Calcio – Portotorres (Andata E Ritorno)
Girone F: L’aquila 1927 – Termoli (Andata E Ritorno)
Girone G: Forza E Coraggio – Murese 2000 Aurora – Virtus Casarano (Triangolare)
Girone H: Citta’ Di Bagheria – Omega Bagaladi S. Lorenzo (Andata E Ritorno)

I FASE – IL PROGRAMMA

Mercoledì 11 Marzo 2009 Ore 15.00

Girone A: Acqui 1911 – Loanesi S. Francesco (Campo Comunale Principale “Ottolenghi” Di Acqui Terme AL). Riposa: Cantu’ S. Paolo

Girone B: Maia Alta Obermais – Muggia (Campo Comunale “Merano Combi”- Merano BZ). Riposa: Lia Piave

Girone C: Cesenatico Chimicart – Jesina Calcio (Stadio Comunale “A. Moretti” – Cesenatico FC)

Girone D: Castelnuovese – Castel Rigone (Stadio Comunale “Luca Quercioli” Loc. Castelnuovo Dei Sabbioni – Cavriglia (Ar)

Girone E: Portotorres – Pomezia Calcio (Stadio Comunale Nuovo Di Porto Torres SS)

Girone F: Termoli – L’Aquila 1927 (Campo Comunale “Gino Cannarsa” – Termoli CB)

Girone G: Forza E Coraggio – Virtus Casarano (Campo G. Meomartini - Benevento BN). Riposa: Murese 2000 Aurora

Girone H: Citta’ Di Bagheria – Omega Bagaladi (S. Lorenzo Stadio Comunale Di Bagheria PA)


Mercoledì 18 Marzo 2009 Ore 15.00

Girone A: 2ª Gara Triangolare

Girone B: 2ª Gara Triangolare

Girone C: Jesina Calcio – Cesenatico Chimicart (Stadio Comunale “Pacifico Carotti” – Jesi PU)

Girone D: Castel Rigone – Castelnuovese (Campo “San Bartolomeo” – Castel Rigone PG)

Girone E: Pomezia Calcio – Portotorres (Stadio Comunale Di Pomezia RM)

Girone F: L’Aquila 1927 – Termoli (Stadio Comunale “T. Fattori” – L’aquila AQ)

Girone G: 2ª Gara Triangolare

Girone H: Omega Bagaladi S. Lorenzo – Citta’ Di Bagheria (Stadio Comunale “Tina Abenavoli” – Bagaladi RC)


Mercoledì 25 marzo 2009 ore 15.00

Girone A: 3ª gara triangolare
Girone B: 3ª gara triangolare

Girone G: 3ª gara triangolare


Il calendario della manifestazione viene stabilito come segue:

11 marzo: 1ª gara triangolari - ottavi andata
18 marzo: 2ª gara triangolari – ottavi ritorno
25 marzo: 3ª gara triangolari
15 aprile: quarti andata
22 aprile: quarti ritorno
29 aprile: semifinali andata
6 maggio: semifinali ritorno
13 maggio: finale

Link