. .
www.informacalcio.it
 
Vai a Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum » Tecnica
. A.A. suggerimenti di preparazione e di tecnica Go back
Autore Messaggio
pasqallenatore99corsico

Registrato: 30/09/07 09:36
Messaggi: 3
spacer
Rispondi citando Profilo Invia messaggio privato  
Messaggio Oggetto:
salve vorrei un aiuto da le io da quasi 3 anni alleno 1 squadra di calcio i primi 2 anni ho allenato i piccoli amici e quest anno sono passato ai pulcini sempre con la stessa squadra volevo chiederle se poteva darmi qualche consiglio in piu come poterli allenare in modo piu inpegnativo ai miei bambini penso da come ho allenato gli altri anni di aver fatto un buon lavoro visto che ho vinto tutte le partita (e abbastanza forte la squadra). navigando in internet nn ho trovato molto spero in un suo aiuto anticipamente la ringrazio della sua attenzione
alighini

Registrato: 04/02/05 11:24
Messaggi: 1505
Residenza: bertonico
spacer
Rispondi citando Profilo Invia messaggio privato [ Nascosto ]
Messaggio Oggetto:
pasqallenatore99corsico ha scritto:
salve vorrei un aiuto da le io da quasi 3 anni alleno 1 squadra di calcio i primi 2 anni ho allenato i piccoli amici e quest anno sono passato ai pulcini sempre con la stessa squadra volevo chiederle se poteva darmi qualche consiglio in piu come poterli allenare in modo piu inpegnativo ai miei bambini penso da come ho allenato gli altri anni di aver fatto un buon lavoro visto che ho vinto tutte le partita (e abbastanza forte la squadra). navigando in internet nn ho trovato molto spero in un suo aiuto anticipamente la ringrazio della sua attenzione


Salve , a quella età l'importante è correggere gli errori di squadra e singolo(bisogna ricordarsi che un domani questi ragazzzi andranno in altre squadre e si divideranno) dA PUNTARE SUI RUOLI CON ANNESSI I LORO ESERCIZI ai bambini a quella età piace imparare e esercitarsi e apprendono di più di quei "testoni vecchi".
Più avanti ti indicherò degli esercizi per ruolo che non sono differenti dai "vecchi" ma solo più brevi di tempo e di intensità il lavoro deve essere graduale .(lo sviluppo di un fisico e di crescita incide molto sul stato di salute ,le ossa si allungano e i muscoli crescono)
Spero di averti in parte risposto a presto.
_________________
il maestro...aiutiamo il calcio
pasqallenatore99corsico

Registrato: 30/09/07 09:36
Messaggi: 3
spacer
Rispondi citando Profilo Invia messaggio privato  
Messaggio Oggetto:
grazie mille x avermi risposto si in parte mi ha risposto xche da come dice lei i muscoli e le ossi si sviluppano e nn vorrei diciamo rovinarli saro qui ad aspettare i suoi insegnamenti grazie mille
brix29

Registrato: 29/10/07 16:52
Messaggi: 39
spacer
Rispondi citando Profilo Invia messaggio privato  
Messaggio Oggetto:
dovrei migliorare la tecnica, come posso fare?
cosa mi suggerite?
_________________
http://firstpage.altervista.org PAGINA INIZIALE DA PROVARE, ora potete aggiungere anche i vostri link!!!!!!!!!!!!

http://nuovaronchese.blogspot.com BLOG NUOVA RONCHESE, 2°CATEGORIA
alighini

Registrato: 04/02/05 11:24
Messaggi: 1505
Residenza: bertonico
spacer
Rispondi citando Profilo Invia messaggio privato [ Nascosto ]
Messaggio Oggetto:
Vediamo un esercizio per la conduzione palla tenendo alta la testa,l'esercizio deve partire in giovane età per abituare il ragazzo mentalmente la tecnica dell'esercizio.
Si piantano dei paletti a 20 30 e 40 metri, il ragazzo dovrà condurre palla fissando un paletto alla volta , in quel angolo di visuale si deve vedere anche la palla a terra, è tutta questione di allenamento ed abitudine fissare un punto e vedere quello che c'è intorno.
Prima è meglio da fermi fissando un paletto se il ragazzo vede la palla a terra e di indicarla con un dito per valutare la distanza tra calciatore e palla.
A calcio l'allenamento visuale deve partire a giovane età per migliorare il gesto tecnico vista-cervello-piede o testa.




Vediamo sopra un esempio di conduzione palla la testo alta per visione gioco e la distanza della palla dal corpo ,il giovane calciatore "cat. esordienti" stà lavorando col sinistro essendo un destro ma si sà che un centrocampista deve lavorare con tutti e 2 i piedi per non trovarsi mai in difficoltà,nel girarsi e nel lanciare ai compagni e non aver prolblemi nel muoversi negli spazi., un destro tenderà andare a destra e un sinistro a sinistra è l'istinto, col problema della facile marcatura.
_________________
il maestro...aiutiamo il calcio

L'ultima modifica di alighini il Mar Gen 01, 2008 19:11, modificato 1 volta
diavolo rossonero

Registrato: 08/12/07 09:42
Messaggi: 153
Residenza: casa tua
spacer
Rispondi citando Profilo Invia messaggio privato  
Messaggio Oggetto:
a chi mi vuole rispondere?! un giocatore quali qualità deve avere per essere considerato" un buon giocatore?".... tecnica, grinta...ecc Twisted Evil Twisted Evil Twisted Evil
alighini

Registrato: 04/02/05 11:24
Messaggi: 1505
Residenza: bertonico
spacer
Rispondi citando Profilo Invia messaggio privato [ Nascosto ]
Messaggio Oggetto:
diavolo rossonero ha scritto:
a chi mi vuole rispondere?! un giocatore quali qualità deve avere per essere considerato" un buon giocatore?".... tecnica, grinta...ecc Twisted Evil Twisted Evil Twisted Evil



Ti posso rispondere con una parola che racchiude molte doti e che un calciatore deve avere ed è "PERSONALITA'".
_________________
il maestro...aiutiamo il calcio
alighini

Registrato: 04/02/05 11:24
Messaggi: 1505
Residenza: bertonico
spacer
Rispondi citando Profilo Invia messaggio privato [ Nascosto ]
Messaggio Oggetto:
Preparamo un triangolo con dei lati di 15 metri posizionando i cinesini ad ogni cinesino mettere un calciatore(meglio i difensivi) i calciatori si passeranno la palla a 2 tocchi ,fare indossare a 2 di questi la pettorina con l'obbligo di non passarsi la palla,simuliamo una circolazione palla in difesa evitando il passaggio orrizontale molto pericoloso, in teoria i calciatori con la pettorina restituiranno la palla al calciatore senza pettorina disegnando sempre una V.
Esercizio facile ma l'allenatore dovrà controllare l'efficacia del controllo palla ,la sicurezza del passaggio la velocità di esecuzione, l'esercizio si può impreziosire con un altro clciatore che in mezzo al triangolo simuli un pressing alto logicamente passivo.
Sono le cose più facili che a volte si sbagliano le difficili sono difficili.

Altro esercizio adatto ai centrocampisti in particolare.
Formare un quadrato con i lati di 10 metri,su ogni punto di un lato mettere un calciatore ,i calciatori si metteranno a far circolare palla in questo modo: 1 passaggio al compagno laterale e 1 in digonale e così via, questa la sequenza della circolazione :laterale-digonale -laterale-diagonale evia via la variante può essere 2 laterali e 1 diagonale.
Cotrollare la precisione dei passaggi eseguire a 2 tocchi o a 1 tocco in base alla preparazione.
L'esercizio serve oltre a dialogare con i compagni in spazi ristretti ad allenare il calciatore mentalmente all'attenzione del gioco oltre a quello che deve fare mentre stà arrivando palla ,l'attenzione e il ragionamento in campo non solo fisicità concentrazione sul gioco..

Alleniamo un po' il piede.
Il calciatore che farà l'esercizio avrà 1 calciatore a 3 metri sulla sua destra 1 difronte e 1 sulla sua sinistra sempre ad una distanza di 3 metri il calciatore impegnato nell'esercizio dovra ricevere palla dagl'altri e restituirla di prima nel seguente modo: partiamo destra e poi in sequenza a giro ma la restituzione avverà con questi tocchi:
dal calciatore di destra usando l'esterno del piede
dal calciatore difronte col collo del piede
dal calciatore di sinistra usando l'interno del piede.

5 giri col destro e 5 col sinistro
Esercizio che aiuta molto un passaggio al compagno mentre si corre o si porta palla senza fermare la corsa(anche in velocità)

Ogni allenatore deciderà il tempo dell'esercizio in base alla seduta e dovrà sempre valutare i passaggi e gli stop(ricever palla) meno sisbaglia e meglio è.
E ripeto:Sono le cose più facili che a volte si sbagliano le difficili sono difficili
_________________
il maestro...aiutiamo il calcio
alighini

Registrato: 04/02/05 11:24
Messaggi: 1505
Residenza: bertonico
spacer
Rispondi citando Profilo Invia messaggio privato [ Nascosto ]
Messaggio Oggetto:
Parliamo delle sovrapposizioni e alcuni esercizi in merito.
Le sovrapposizioni è un movimento senza palla maggior parte fatto sulle fascie nello spazio per sorprendere la difesa e si conclude con la maggior parte in un cross dentro l'area,
Si distinguono 2 movimenti di sovrapposizione : parallelo e a taglio.
Parallela
Si preparano 2 file ,ogni fila composta da 5 calciatori (meno sono i calciatori che eseguono l'esercizio e più l'esercizio sarà più intenso,la rimanenza del gruppo ad eseguire un altro esercizio ) dalla stessa linea distanti fra loro 3 metrisulla destra se si esgue l'esercizio per la fascia destra o a sinistra se si esegue sulla fascia sinistra il gruppo A sarà il portatore di palla e il gruppo B il movimento.
Appena partito il portatore di palla gruppo A (a velocità lenta) il calciatore del gruppo B in velocità affiancherà il portatore di palla a destra ( fascia destra )partendo in profondità, l'esercizio si chiude col passaggio del calciatore gruppo A al calciatore gruppo B , in aggiunta all'esercizio se nelle vicinanze dell'area il calciatore gruppo B ricevuta palla eseguirà un cross dentro l'area.
A taglio
Come sopra con una sola variante che il gruppo B sarà posizionato non a destra ma a sinistra ,si simula il movimento di un centrocampista che si proponga in fascia.
I calciatori ad ogni giro si invertono i ruoli ovvero i gruppi.
Le condizione per e seguire una oppotuna sovrapposizione sono le seguenti:
Aiutare il portatore di palla chiuso e con i compagni marcati
lo spazio a disposizione
la velocità del movimento
il passaggio in profondità preciso col compagno in corsa
non lamentarsi se fatto il movimento non si riceve palla serve anche aprire la difesa avversaria.


Come si difende una palla calciata in profondità in corsa con un avversario essendo in anticipo, alla prossima.
_________________
il maestro...aiutiamo il calcio
Andrea Biasi

Registrato: 27/05/08 13:14
Messaggi: 6
Residenza: Milano
spacer
Rispondi citando Profilo Invia messaggio privato  
Messaggio Oggetto: domanda
Buongiorno,
dato il fatto che mi sembra una persona molto preparata e tengo molto a farle molti complimenti per gli articoli che scrive.
Volevo sapere se a breve pubblicherà un articolo:
-sulla preparazione estiva
-sul possesso palla
-sul pressing
e se la risposta fosse si sapere in che forum potrò vederli.
Grazie.
_________________
Andrea B.
alighini

Registrato: 04/02/05 11:24
Messaggi: 1505
Residenza: bertonico
spacer
Rispondi citando Profilo Invia messaggio privato [ Nascosto ]
Messaggio Oggetto:
Sig. BIASI grazie per l'apprezzamento nei miei confronti, nel frattempo le rispondo alle sue richieste:
preparazione estiva:
una preparazione estiva deve partire prima ,se è possibile,della preparazione pre -campionato che varia di solito 2 o 3 settimane di duro lavoro, qui sotto troverà alcuni suggerimenti che ho scritto l'anno scorso per il periodo vacanziero e riposo tecnico (campionati fermi).
la preparazione pre-campionato la illustrerò più avanti,forse lei intendeva quella.

Il calcio moderno o quello che pretendono oggi è basato sulla velocità, più è veloce un ragazzo e più è apprezzato senza tralasciare la tecnica ovvio quindi tempo di vacanze e detto tempo sarà dedicato a sviluppare velocità, veloci non si diventa in un mese ma se aggiungiamo tre settimane prima della preparazione è un vantaggio che poi si deve conservare tutto l'anno con l'allenamento anche estra calcio se possibile.
mare
delle corse mattutine sulla sabbia (sempre con scarpe ginniche) potenziano le caviglie visto che dove camminiamo (corriamo)si si sprofonda e non abbiamo una spinta adeguata su un appoggio solido, 10 minuti bastano al giorno sempre preceduti da allungamenti muscolari.In spiaggia ci sono anche palestre all'aria aperta un po' di cyclette (15minuti) 1 minuto pedalata semplice 5 secondi con il massimo rapporto o pendenza a tutta( simuliamo uno scatto 5 secondi equivale a 30 metri)quindi avremo 13 minuti di pedalata semplice e 13 (scatti) pedalata veloce e con un rapporto pesante.Il nuoto non guasta mai,tutti dovrebbero saper nuotare o non aver paura dell'acqua, troppi morti ancora per annegamento, la rana(stile)aiuta i velocisti se poi la si fa per brevissimi tratti in apnea è meglio(questo in piscina se è possibile).
monti
qui per potenziare la muscolatura non manca le corse in salita e dei scatti per 6 o 7 metri potenziano le cosce e rafforzano le caviglie si propio le caviglie è il punto di forza di un velocista,la pianta del piede non viene tutta appogiata si parte in punta e il peso del corpo è in grande parte sopportato dalle caviglie.UN 15 minuti di allenamento frazionato con riposi in base a come si sente l'atleta in quel momento non bisogna strafare bisogna rispettare anche il nostro corpo lo si allena per sopportare la fatica piano piano ma non affaticarlo.
casa(pianura)
piscina,cyclette e qualche salita si possono trovare,per le caviglie se troviamo un bilanciere o uno zainetto con libri pesante sulle spalle un esercizio casaligo è questo: in piedi alzare i talloni al massimo senza perdere l'equilibrio per un 5 minuti compreso i tempi di recupero o fatelo graduale 20-30-40-50 alzate in punta di piedi al giorno progressivi oggi 20 domani30 e così via.Una scalinata o le scale del condominio(quelle che vanno in cantina) vanno bene per un 10 minuti (di corsa )ma senza cadere ;ripeto ancora un corpo deve essere allenato e non affaticato.
buone vacanze attenzioni alle notti bianche chi deve guidare non deve bere questi sindaci spero che ragionino,venire a casa alle 6 del mattinonon è tanto ragionevole visto gli incidenti e se notate anche quando vi sono incidenti fra cammion o mezzi pesanti le ore sono sempre quelle mattutine va be ogni testa un piccolo mondo ma che però deve salvaguardare gli altri.


Per le altre 2 possesso palla e pressing il discorso anche se si può renderlo semplice lo si può arricchire di condizioni che di solito non vengono valutate per es:
un possesso palla è condizionato
dal risultato
dal terreno
dal clima
un possesso palla veloce o lento
dove attaccare gli spazi e sovrapposizioni mettono in difficolta la squadra avversaria senza dagli modo di posizionarsi
un possesso palla deve essere chiarito punto per punto momento per momento.

pressing
anche qui è sempre condizionato da dove ti trovi o sei da solo o in raddoppio
pressing alto a che distanza ti devi fermare dal portatore di palla

son tante le cose e situazioni che devono essere descritte una per una correre a farfalla non serve a nulla e correre tutti verso la palla non ne parliamo.
Quindi vorrei chiarire più avanti questi movimenti senza lasciare nulla al caso.
Penso di averti risposto per una parte alla prossima.

p.s
calciomercato
un acquisto lo si vede durante la stagione agosnistica e lo si giudica alla fine , prima son tutti buoni.
_________________
il maestro...aiutiamo il calcio
portierone86

Registrato: 01/01/70 01:00
Messaggi: 1164
Residenza: milano
spacer
Rispondi citando Profilo Invia messaggio privato  
Messaggio Oggetto:
alighini ha scritto:


Il calcio moderno o quello che pretendono oggi è basato sulla velocità, più è veloce un ragazzo e più è apprezzato senza tralasciare la tecnica ovvio quindi tempo di vacanze e detto tempo sarà dedicato a sviluppare velocità, veloci non si diventa in un mese ma se aggiungiamo tre settimane prima della preparazione è un vantaggio che poi si deve conservare tutto l'anno con l'allenamento anche estra calcio se possibile.


Le ricordo che la velocità non è allenabile.. si puo allenare la resistenza alla velocità, ma non la velocità in se
69

Registrato: 29/05/07 15:22
Messaggi: 1075
Residenza: Baja California - Mexico
spacer
Rispondi citando Profilo Invia messaggio privato  
Messaggio Oggetto:
portierone86 ha scritto:
alighini ha scritto:


Il calcio moderno o quello che pretendono oggi è basato sulla velocità, più è veloce un ragazzo e più è apprezzato senza tralasciare la tecnica ovvio quindi tempo di vacanze e detto tempo sarà dedicato a sviluppare velocità, veloci non si diventa in un mese ma se aggiungiamo tre settimane prima della preparazione è un vantaggio che poi si deve conservare tutto l'anno con l'allenamento anche estra calcio se possibile.


Le ricordo che la velocità non è allenabile.. si puo allenare la resistenza alla velocità, ma non la velocità in se


ciao portierone 86,
quello che scrivi è giusto in parte, è vero che per un adulto la velocità non è migliorabile se non in percentuali inferiori al 20 % ma vanno comunque eseguiti esercitazioni di velocità pura per non avere un peggioramento della capacità.
A queste esercitazioni vanno poi abbinati esercizi per la resistenza alla velocità.
La velocità va allenata molto per i ragazzini che possono avere grandi miglioramenti fino a 15 anni circa.
alighini

Registrato: 04/02/05 11:24
Messaggi: 1505
Residenza: bertonico
spacer
Rispondi citando Profilo Invia messaggio privato [ Nascosto ]
Messaggio Oggetto:
un ragazzino di 15 anni........



Pietro Paolo Mennea (Barletta, 28 giugno 1952) è un ex atleta e anche politico, avvocato, docente universitario, scrittore e commercialista italiano.

Olimpionico (1980) e detentore del primato mondiale dei 200 metri piani dal 1979 al 1996 (con il tempo di 19”72).

Mennea iniziò la sua lunga carriera atletica internazionale nel 1971, quando debuttò ai Campionati Europei con un terzo posto nella staffetta 4x100 m. Fece il suo debutto olimpico a Monaco di Baviera, ai Giochi estivi del 1972, dove raggiunse la finale dei 200 m, la specialità nella quale era più forte. Tagliò il traguardo al terzo posto, dietro al sovietico Valeri Borzov e all'americano Larry Black. A questa sarebbero seguite altre tre finali olimpiche nella stessa specialità.

Ai Campionati europei del 1974, Mennea vinse l'oro nei 200 davanti al pubblico di casa di Roma, e si piazzò secondo nei 100 (dietro a Borzov, suo rivale storico) e nella staffetta veloce. Dopo alcune prestazioni deludenti, nel 1976 Mennea decise di saltare i Giochi Olimpici, ma il pubblico italiano protestò, e Mennea andò a Montreal. Riuscì a qualificarsi per la finale, ma vide l'oro finire nelle mani del giamaicano Don Quarrie, mentre a lui rimase un inutile quarto posto. Lo stesso risultato venne raggiunto nella staffetta 4x100, mancando di poco il bronzo. Nel 1978, a Praga, difese con successo il suo titolo europeo dei 200, ma mostrò le sue doti anche sulla distanza più breve, vinta anch'essa. In quell'anno si aggiudicò anche l'oro nei 400 m agli europei al coperto.

Nel 1979, Mennea, studente di scienze politiche, prese parte alle Universiadi, che si disputavano sulla pista di Città del Messico, posta ad alta quota. Il tempo con cui vinse i 200, 19"72, era il record del mondo. Anche se questo record resistette per 17 anni, viene spesso svalutato dal fatto che fu ottenuto correndo ad alta quota (va comunque fatto notare che Mennea detenne anche il record del mondo a livello del mare dal 1980 al 1983 con 19"96, tempo stabilito nella sua città natale, Barletta). Il record venne battuto da Michael Johnson agli US Trials per le Olimpiadi del 1996.

In quanto detentore del primato mondiale, Mennea era senz'altro uno dei favoriti per l'oro olimpico a Mosca anche a causa del boicottaggio statunitense delle Olimpiadi del 1980. Nella finale dei 200, Mennea affrontò il campione uscente Don Quarrie e il campione dei 100 Allan Wells. Wells sembrò dirigersi verso una vittoria netta ma Mennea gli si avvicinò sul rettilineo e lo sopravanzò negli ultimi metri, aggiudicandosi l'oro per 2 centesimi di secondo. Si aggiudicò anche il bronzo con la staffetta 4x400.

Il 22 marzo 1983 stabilì il primato mondiale (manuale) dei 150 metri piani, con 14,8 secondi sulla pista dello stadio Comunale di Cassino. Questo primato è tuttora imbattuto.

Mennea, soprannominato la Freccia del Sud, annunciò il suo ritiro concedendosi più tempo per lo studio. Comunque ritornò sui suoi passi e vinse la medaglia di bronzo nei 200 e quella d'argento con la staffetta 4x100 nella prima edizione dei Campionati del mondo di atletica leggera di Helsinki 1983. Un anno dopo, scese in pista nella sua quarta finale olimpica consecutiva dei 200, primo atleta al mondo a compiere tale impresa. In quest'occasione, anche se campione uscente, terminò al settimo posto e, a fine stagione, si ritirò dalle competizioni per la seconda volta. Ancora una volta, Mennea fece il suo ritorno e gareggiò nelle sue quinte Olimpiadi a Seul ma questa volta, sempre nei 200, non riuscì ad andare oltre le batterie.

Dopo essersi laureato in giurisprudenza, scienze politiche e scienze dell'educazione motoria, oggi Pietro Mennea esercita la professione di avvocato, di docente universitario di diritto dello sport ed è autore di numerosi libri. È stato eletto al Parlamento Europeo nel 1999.

Nel 2000 il nome di Mennea tornò agli onori delle cronache quando l'Università dell'Aquila, presso cui aveva partecipato ad un concorso per la cattedra di Sistematica, regolamentazione e organizzazione dell'attività agonistica presso la Facoltà di Scienze Motorie, gli negò l'assunzione nonostante si fosse classificato primo in graduatoria. La vicenda provocò polemiche ed interrogazioni parlamentari.

Attualmente Mennea è docente di Legislazione europea delle attività motorie e sportive presso la Facoltà di Scienze dell’Educazione Motoria dell'Università "Gabriele d'Annunzio" di Chieti - Pescara.

Nel 2006 ha dato vita insieme alla moglie Manuela Olivieri alla Fondazione Pietro Mennea Onlus per la Ricerca e lo Sport, con lo scopo primario di carattere filantropico, ossia effettuare donazioni costanti nel tempo ed assistenza sociale ad enti caritatevoli o di ricerca medico-scientifica, associazioni culturali e sportive, attraverso progetti specifici e concreti. Lo scopo secondario è di carattere culturale, e consiste nel diffondere lo sport ed i suoi valori, nonché promuovere la lotta al doping, che è diventata una triste piaga per lo sport e la nostra società.

Importanti gli scatti nel calcio e la velocità sui 15-20 metri non penso che i velocisti si allenino fino ai 15 anni.
_________________
il maestro...aiutiamo il calcio
Super 9

Registrato: 02/02/08 11:40
Messaggi: 39
Residenza: milano
spacer
Rispondi citando Profilo Invia messaggio privato  
Messaggio Oggetto: preparazione pre-preparazione
salve chi mi può consigliare qualche esercizio pre-preparazione tenendo conto che dove abito c'è solo cemento e quindi certi esercizi sono difficili da fare e le ginocchia all'inizio soffrono parecchio,esercizi di corsa e quant'altro.preparazione per una 1a categoria.grazie a chi mi aiuta e buone vacanze a tutti
Mostra prima i messaggi di:   
.
.
.
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum » Tecnica Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8  Successivo
Pagina 3 di 8

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi

Powered by phpBB - Copyright © 2002-2004 the phpBB Group
phpbb.it
JustFooty phpBB Template v1.04 © 2004-2006 Jakob Persson / Tesseract Media (readme)
In cooperation with BeautifulGame.net football forum, forumthemes.org and bbstyles.net
Direttore responsabile: Mauro Boldrini - Editore SportWeb S.r.l. - 25124 Brescia tel. 030-6840464 - e-mail: info@sportwebinforma.it
Autorizzazione Tribunale di Brescia n. 45/2003 del 23-12-2003 - © Copyright SportWeb S.r.l.- Cod. Fisc. e Part. Iva n° 03572920175 - Tutti i Diritti sono Riservati
.
. . .